Tuna Cup Anzio 2016- Trofeo Quicksilver

TUNA CUP ANZIO – TROFEO QUICKSILVER edizione 2016. Tre giorni pieni di sole, mare, divertimento e tonni, tanti tonni……
Il TUNA CUP ANZIO – Trofeo Quicksilver, dopo il successo ottenuto nel 2015, quest’anno ha replicato alla grande, aumentando il numero di equipaggi partecipanti ed il numero dei tonni complessivamente pescati (quasi 100 in due giorni). Questa seconda edizione ha preso il via venerdì 9 settembre e si è conclusa domenica 11 settembre, bissando il successo dello scorso anno, favoriti anche da un meteo favorevole che ha consentito il regolare svolgimento della “due giornate di gare”. Il TUNA CUP ANZIO Trofeo Quicksilver è una gara di pesca al tonno rosso con la tecnica del Catch & Release, ossia cattura e rilascio. Non ci sono vittime tra le prede insomma. Il tonno allamato viene portato sottobordo all’imbarcazione che lo ha catturato, qui, senza essere tolto dall’acqua viene misurato e poi prontamente rilasciato al suo ambiente, vivo e vegeto, solo un po’ stanco per la lotta, ma è la stessa stanchezza che vive anche l’angler che a bordo dell’imbarcazione lotta con lui. La gara è stata organizzata ancora una volta dall’ASD Fishing Club Anzio, che ha avuto come partner: Quicksilver (noto marchio d’imbarcazioni da pesca che fa capo al Gruppo Brunswick, lo stesso di Mercury), GARMIN, leader mondiale nell’elettronica di bordo e per la prima volta nostro partner, NAUTYLAND (dealer locale dei prodotti Quicksilver e Mercury) ed il porto Marina di Nettuno, una struttura efficiente e moderna che per il secondo anno ha ospitato l’evento, offrendo posti barca a tutti i 55 equipaggi al via ed un’area ove è stato allestito il Tuna Village. Come detto tanti gli equipaggi (58 iscritti ma 55 al via causa alcune problematiche tecniche di tre di questi), per oltre 280 persone presenti complessivamente, un numero che ha messo a dura prova sia lo staff dell’organizzazione, che ha cercato, ed a quanto pare riuscendoci, di far vivere a tutti giornate davvero indimenticabili. Le imbarcazioni? Di tutte le tipologie e grandezze. Dai fishing boat più sofisticati alle piccole imbarcazioni da diporto adattate alla pesca (la più piccola misurava 5,30 metri), ai gommoni, finalmente sdoganati per l’uso in questo ambito sportivo. Tutto perfetto hanno detto gli equipaggi. Tanti amici che si sono incontrati con una passione in comune, la pesca, ma che si sono scambiati suggerimenti e consigli, hanno cenato gomito a gomito, hanno gareggiato fianco a fianco nello spirito della massima sportività possibile, a volte anche facendo l’un l’altro ponte radio con la barca giuria, senza ostacolarsi ma anzi collaborando per la fattiva riuscita della gara. Alla fine tante le catture ritenute valide per un tratto di mare che ha dimostrato ancora una volta di essere in ripresa sotto il profilo ecologico, oltre 44 il sabato e 38 la domenica. Catture che alla fine hanno dato un bel da fare alla giuria che ha dovuto visionarle una ad una per sancire alla fine il podio. Lauto il compenso percepito dai tre vincitori, in parte in denaro ed in parte in attrezzature di alto livello, per un complessivo di € 12.500 solo dedicati al podio, ma altri € 13.800 in premi dedicati a tutti i partecipanti. Grazie all’intervento di prestigiosi sponsor tecnici infatti, sia dell’ambito pesca che nautico, ci sono stati premi per tutti. Ai primi dieci sono andati premi da classifica, agli altri premi ad estrazione. Nessuno, compreso chi non ha avuto la fortuna di pescare neppure un tonno, è andato a casa senza un premio ed a tutti gli equipaggi è stato consegnato un trofeo ricordo dell’evento. A tutto ciò si anche aggiunta un’iniziativa benefica “pro terremotati del Centro Italia”. Grazie allo sponsor Mercury, che all’uopo ci ha fatto avere uno strumento del valore di oltre 1.500 euro, è stata indetta una lotteria tra i partecipanti, che hanno aderito con grande entusiasmo consentendo la raccolta di 1.000 euro che sono stati il giorno dopo devoluti alla Croce Rossa Italiana pro terremotati del Centro Italia. Domenica pomeriggio, ad intrattenere il pubblico in attesa delle classifiche ufficiali e della conseguente premiazione ci ha pensato un ricco buffet offerto da Zero Miglia e dalla Norcineria Gusto di Buccolini, innaffiati dai vini del Casale del Giglio.
Ha vinto l’equipaggio BELLU’ MAGNA’ su un’imbarcazione di soli 5,40 metri (a significare che tale passione non ha limiti di grandezza o importante delle imbarcazioni) con 94.000 punti realizzati con ben 7 catture nei due giorni di cui 6 ritenute valide. Un equipaggio di giovani composto da Crozzoletto Christian, Carlaccini Dario, Crozzoletto Johnny e Carlaccini Giulio che si è tra l’altro aggiudicato un prezioso ed utile premio di € 4.000. Secondo posto per il TEAM ALINA, su Pursuit 2870 di Faiola Alessandro, Cariddi Pietro e Reali Christian, che ha totalizzato 3 catture nei due giorni (di cui uno perso) per un totale

I commenti sono chiusi